Come avviene l’inserimento dei richiedenti asilo nei territori di accoglienza?
Più che da un percorso a senso unico, l’integrazione nasce da un cambiamento che coinvolge tutti:
il mondo del lavoro, le istituzioni, l’associazionismo, i cittadini residenti e i nuovi arrivati.
Un processo fatto di storie uniche e irripetibili che vale la pena di raccontare.

Ebou, giovane gambiano, con la divista scout del gruppo Agesci Bologna 10

Ebou: “Faccio lo scout, diventerò un grande elettricista”

Quando ha deciso di lasciare il suo Paese, il Gambia, aveva un progetto semplice ma ben preciso in mente: arrivare in Europa per poter studiare e…


Leggere di più

Abubakar, titolare di protezione umanitaria, ospite in una famiglia bolognese

“Vivo con i miei genitori italiani, lavoro, gioco a basket”. La bella storia di Abu

Ci sono storie di integrazione che procedono rettilinee e positive fin dal loro inizio. Storie in cui ciascuna delle parti in causa gioca un ruolo…


Leggere di più

“Zyp Zag”, così la passione per la sartoria ecosostenibile si fa mestiere

“Zyp Zag”, così la passione per la sartoria ecosostenibile si fa mestiere

Una passione che si fa mestiere, accomuna uomini e donne, passa attraverso la cruna dell’ago, il sapiente abbinamento di stoffe e colori e ora si…


Leggere di più

Mamadi, titolare di protezione sussidiaria installa impianti fotovoltaici

“Qui abbiamo trovato un lavoro e amici, ci sentiamo integrati”

Manager, consulenti e formatori, motivatori ed esperti di welfare aziendale si sforzano di ripetere che la qualità di un luogo di lavoro e il…


Leggere di più

“Agricoltura e ingranaggi di precisione, qui in montagna lavoriamo e ci sentiamo a casa”

“Agricoltura e ingranaggi di precisione, qui in montagna lavoriamo e ci sentiamo a casa”

La montagna bolognese ha molto poco in comune con le loro terre d’origine in Africa. Eppure due giovani immigrati, portati dal caso nella struttura…


Leggere di più

“Noi, richiedenti protezione internazionale e ora sospesi e incerti”

“Noi, richiedenti protezione internazionale e ora sospesi e incerti”

“Venendo in Italia pensavamo di assicurare un futuro più tranquillo ai nostri bambini e di poterci ricostruire una vita più sicura rispetto a quanto…


Leggere di più

“Più uguali che diversi” sui banchi del Liceo Fermi

“Più uguali che diversi” sui banchi del Liceo Fermi

Giunto alla sua seconda edizione, il progetto di Alternanza Scuola Lavoro della Coop. Soc. Arca di Noè con il Liceo scientifico “E. Fermi” di Bologna…


Leggere di più

L’Antico Forno Corsini nel centro storico di Porretta Terme

Il pane di Mohammed, le saldature di Alì: il lavoro sarà la porta per il futuro?

Fare il pane è un lavoro pesante, come lo è anche battere e saldare il ferro. Mestieri manuali nobili ma molto impegnativi, che non sono certo in…


Leggere di più

Diaby ospite SPRAR/SIPROIMI Bologna con i titolari della FOMIR Claudio Baldazzi e Manuela Cantelli

Diaby, dalla fuga all’“adozione” nell’impresa di Fossatone

Dalla fuga dalla Guinea Conakry al permesso di soggiorno “per casi speciali” Diaby si alza sempre molto presto al mattino. Tra le 4 e le 5 è già in…


Leggere di più

Migranti agricoltori con il “social farming” al Corno alle Scale

Migranti agricoltori con il “social farming” al Corno alle Scale

Ogni storia contiene in sé infinite altre storie, che si diramano e si intrecciano tra loro prendendo le più varie direzioni e riempiendosi a vicenda…


Leggere di più